10 ANNI DI ALTRA MUSICA

10 ANNI DI ALTRA MUSICA

La storia più importante che un festival possa scrivere.

Chamoisestate 2009.

Il concerto del cantautore Carlo Pestelli è appena terminato. Nel vociare del pubblico della piazza tutto comincia con uno scambio di battute – diventato poi scommessa – tra il Sindaco di Chamois ed il musicista torinese Giorgio Li Calzi:

«Perché non ideare un festival che faccia incontrare Chamois e la musica?»

Chamois è un piccolo Comune montano incastonato nella Valle del Cervino.
Per volontà dei suoi abitanti non ha automobili circolanti nelle sue strade già dai lontani anni ’50. È l’unico Comune d’Italia senza autoraggiungibile solo a piedi o in funivia. Proprio perchéirraggiungibile, soffre da tempo di un problema endemico di abbandono: vivere a 1815 metri di altitudine, infatti, è un atto costante di resilienza.

CHAMOISic festival, nato per gioco, è diventato negli anni una risposta concreta nel raccontare prospettive inedite per questa Perla delle Alpi.

La prima ad arrivare fu la musica. Quella più inaspettata. Strana, ipnotica nel silenzio in quota, al punto di risultare intrigante anche alle orecchie meno allenate…

Poi l’apertura degli abitanti, la curiosità dei turisti di passaggio, i primi affezionati che arrivano da lontano… E così, nel tempo, i volti di sconosciuti sono diventati sorrisi di amici che tornano  ogni estate a condividere questi luoghi magici per abbandonarsi alle vibrazioni del suono e ai suoilinguaggi più innovativi.

Infine, il riconoscimento di un‘identità stilistica propria e l’accoglienza di artisti entusiasti provenienti da mezzo mondo.

«After my concert at Chamoisic I was approached by an older woman with a broad and warm smile, who said: “So experimental! Lovely!” I think this tells you everything you need to know about a unique and extraordinary festival!» Fred Frith, 2016.

In questi 10 anni CHAMOISic festival ha risposto alla scommessa favorendo un’integrazione tra turismo, attività produttive e produzione culturale attraverso una proposta di concerti all’avanguardia tra innovazione e tradizione.

Quello che succede a Chamois testimonia un processo reale di evoluzione nella percezione della montagna attraverso un crescente interesse e coinvolgimento del contesto sociale. Questoprocesso anno dopo anno si evolve e crea connessioni territoriali e culturali che rappresentano la storia più importante che un festival possa scrivere.

CHAMOISIC X - ALTRA MUSICA IN ALTA QUOTA - IX EDIZIONE - LUGLIO/AGOSTO 2018

X EDIZIONE

MUSICA ANTICA E CONTEMPORANEA, ELETTRONICA E IMPROVVISATIVA

La X edizione racconterà del dialogo che si è instaurato in questi anni: dell’interazione tra gli artisti, il pubblico, gli abitanti, i turisti, i Comuni coinvolti, le istituzioni ed i sostenitori. Un racconto al tempo presente che guarda al futuro, frutto dell’esperienza maturata sinora.

Il festival a Chamois avrà letteralmente la forma di un dialogo. Nell’attesa di ascoltare il silenzio della montagna risuonare di altra musica, si potrà parlare, per esempio, di relazione tra scrittura musicale e contesto socio-ambientale con artisti, giornalisti e scrittori.

Come da tradizione i concerti si svolgeranno all’aperto dal tardo pomeriggio con il fondale della Valle e alla sera nelle locande del paese. Gli artisti del gran finale in alta quota saranno presto annunciati.

Allo stesso modo, gli eventi immersivi delle settimane antecedenti, diffusi in quasi tutta la Valle d’Aosta ed oltre, cercheranno di stabilire un dialogo tramite proposte culturali specifiche comepasseggiate musicali, sonorizzazioni di film e concerti.

Novità assoluta di questa edizione è la scelta, condivisa dal comune di Chamois e dagli operatori turistici, di anticipare il festival al mese di luglio, un periodo dell’anno dove il territorio è meno soggetto al flusso turistico.

Dopo la tradizionale rassegna di eventi nelle splendide cornici offerte dai Comuni partecipanti che da venerdì 5 luglio ospiteranno nuovi artisti, nuove installazioni sonore, nuove passeggiate musicali, nuove esperienze musicali nella natura, il gran finale del festival si terrà in alta quota, a Chamois, da venerdì 19 a domenica 21 luglio.

MUSICA ECLETTICA

IN VALLE ED OLTRE…

PROGRAMMA EVENTI DAL 5 AL 17 LUGLIO

INNODE

BIELLA (BI)

VENERDI 5 LUGLIO

h 21:00 – Spazio Hydro – in collaborazione con Piedicavallo Festival

INNODE plays “La corazzata Potemkin”

AUSTRIA – Stefan Németh (synths, campionatore), Bernhard Breuer (batteria ed elettronica)

 

IL VIAGGIO CHE è IN TE

LA MAGDELEINE (AO)
DOMENICA 7 LUGLIO
h 15:30 – Strada La Magdeleine-Chamois

“IL VIAGGIO CHE È IN TE”

ITALIA – Gian Luca Favetto (voce narrante), Martin Mayes (corno, corno delle Alpi), Gigi Biolcati (percussioni)

 

 

STEFANO BLANC

COGNE (AO)

GIOVEDI 11 LUGLIO

h 21:00 – La Maison Gérard Dayné -in collaborazione con MusiCogne – Musiche di Legno

STEFANO BLANC

ITALIA – Stefano Blanc (violoncello)

 

 

FABIO GIACHINO TRIO

SAINT-VINCENT (AO)
VENERDI 12 LUGLIO
h 21:00 – Centro Congressi

FABIO GIACHINO TRIO
ITALIA – Fabio Giachino (pianoforte), Davide Liberti (contrabbasso), Ruben Bellavia (batteria)

 

 

TENCOFAMIGLIA

VALTOURNENCHE (AO)

SABATO 13 LUGLIO

h 21:00 – Centro Congressi

TENCOFAMIGLIA

ITALIA – Emy Spadea (voce), Donato Stolfi (batteria), Nicola Meloni (pianoforte), Simone Garino (sax)

 

 

LA NUOVA VITA DELLE ALPI

ETROUBLES (AO)
DOMENICA 14 LUGLIO
h 17:00 – Borgo Medievale

“LA NUOVA VITA DELLE ALPI”

ITALIA – Enrico Camanni (scrittore, narratore di montagna), Martin Mayes (corno, corno delle Alpi), Gigi Biolcati (percussioni)

 

 

BANDAKADABRA

ANTEY-SAINT-ANDRE’ (AO)
MERCOLEDI 17 LUGLIO 
h 21:00 Sala Polivalente (c/o Centro Sportivo)


BANDAKADABRA

ITALIA – Gipo Di Napoli (grancassa e facezie), Stefano Colosimo (Tromba), Giulio Piola (Tromba), Tiziano Di Sansa (Sax alto), Marco Di Giuseppe (Sax tenore), Cecio Grano (Sax tenore), Filippo Ruà (Tuba, Susafono), Giorgio Giovannini (trombone), Gabriele Luttino (rullante)

 

INFORMAZIONI PRATICHE SUI COMUNI OSPITANTI

VENERDI 5 LUGLIO – BIELLA

location: Spazio Hydro – Via Serralunga, 31, 13900 Biella BI

Hydro è uno spazio di sperimentazione culturale e sociale. Si trova sulle sponde del torrente Cervo, all’interno di Cittadellarte – Fondazione Pistoletto.

 

DOMENICA 7 LUGLIO – LA MAGDELEINE

location: Sentiero intervallivo 107, La Magdeleine-Chamois

La Magdeleine è Comune della Valtournenche, seguire le indicazioni presso Antey.

 

GIOVEDI 11 LUGLIO – COGNE

location: La Maison Gérard Dayné

La Maison de Cogne Gérard Dayné, attualmente gestita dalla Cooperativa Mines de Cogne, è un’antica casa rurale risalente al XVII secolo e testimonianza delll’architettura “di legno e pietra” tipica della Valle di Cogne.

 

VENERDI 12 LUGLIO – SAINT-VINCENT

location: Centro Congressi

Saint Vincent è un comune situato nei pressi dell’uscita autostradale e della stazione ferroviaria di Chatillion.

 

SABATO 13 LUGLIO – VALTOURNENCHE

location: Centro Congressi

Valtournenche è Comune della Valtournenche, lungo la strada Chatillon/Cervinia.

 

DOMENICA 14 LUGLIO – ETROUBLES

location: Borgo Medievale

Etroubles è Comune della Valle del Gran San Bernardo.

 

MERCOLEDI 17 LUGLIO – ANTEY-SAINT-ANDRE’

location: Sala Polivalente (℅ Centro sportivo)

Antey Saint Andrè è Comune della Valtournenche, lungo la strada Chatillon/Cervinia.

 

Il gran finale, dal 19 al 21 Luglio, a CHAMOIS verrà annunciato a breve.

Annunci

Saint-Vincent

Tra le novità di quest’anno la partecipazione del Comune di Saint-Vincent che sabato 21 luglio ospiterà il concerto del quartetto guidato dal pianista valdostano Beppe Barbera.

Saint-Vincent (575 m di altitudine) è stata soprannominata “la Riviera delle Alpi” e risulta tra le località più conosciute della Valle d’Aosta.

Lo sviluppo turistico della cittadina è legato alla scoperta nel 1770, da parte di un abate naturalista, della Fons Salutis, una sorgente di #acqua le cui virtù terapeutiche la resero famosa ed apprezzata. Tra gli ospiti delle Terme si ricordano personaggi illustri quali Giosuè Carducci e Silvio Pellico, nonché l’aristocrazia più in vista dell’epoca.

Da segnalare la chiesa romanica di San Vincenzo, edificata dai frati benedettini nell’XI secolo, con il museo di arte sacra, dove si trovano oggetti rari e preziosi.

In estate il clima particolarmente favorevole ed un ricco patrimonio naturale invitano ad esplorare gli innumerevoli #percorsi nel verde e tra i villaggi adagiati sui vicini pendii. Un autentico tuffo nella #storia, nelle #tradizioni secolari e nella #cultura popolare, alla scoperta dei suoi elementi comunitari caratteristici, tra cui le antiche abitazioni in legno e pietra, le cappelle, i forni, i mulini.

Fonti:
http://www.comune.saint-vincent.ao.it
http://www.lovevda.it

IX Edizione

Associazione Insieme a Chamois presenta:

CHAMOISIC FESTIVAL 2018
IX EDIZIONE, DAL 20 LUGLIO AL 5 AGOSTO

AOSTA, ANTEY-SAINT-ANDRE’, CHAMOIS, ETROUBLES, LA MAGDELEINE, SAINT-VINCENT, VALTOURNENCHE

MUSICA ANTICA E CONTEMPORANEA, ELETTRONICA E IMPROVVISATIVA CON:

FRANK BRETSCHNEIDER / TRILOK GURTU / SPIME.IM / FRANKIE HI NRG MC VS ALJAZZEERA / CANZONIERE GRECANICO SALENTINO / TIZIANO FRATUS E DUO BOTTASSO / DARIO TABBIA VOX LIBERA / RICCARDO TESI & GIAN LUIGI CARLONE / TOMMASO GEMINI / EAZYCON / BACCIOLO BORGATTA VENEGONI TRIO / HARD BOP REUNION / STEFANO BLANC / BEPPE BARBERA QUARTETTO / ALKALINE JAZZ TRIO / AUDIO HACKLAB

L’ INGRESSO AI CONCERTI È GRATUITO.

Dal jazz alla musica antica e di contaminazione; dall’improvvisazione all’elettronica all’uso di nuovi strumenti elettroacustici; dalle tradizioni musicali rivisitate alla scoperta di suoni di paesi lontani; il tutto inserito in uno scenario di natura libera ed incantata, di aria pulita, condivisione e dialogo attraverso la musica ed oltre.

Quest’anno il festival arriva alla sua nona edizione espandendosi in sette comuni della Valle d’Aosta. Il linguaggio musicale è declinato verso il jazz accentuando lo stile che CHAMOISic ha proposto in tutti questi anni, tra standard e sperimentazione.

L’apertura del Festival sarà ospitata dal Comune di Valtournenche con la performance multimediale dei Spime.Im, un progetto lanciato in questi mesi, di pura innovazione, perché gli artisti useranno come interfacce per suonare e produrre ambientazioni video le loro mani attraverso dei guanti interattivi. A seguire il solo di violoncello del valdostano Stefano Blanc impegnato in un repertorio classico e contemporaneo del novecento. Tra le novità di quest’anno la partecipazione del Comune di Saint-Vincent che ospiterà il concerto del quartetto guidato dal pianista valdostano Beppe Barbera. Anteprima in jazz anche per Antey-Saint-Andrè con il concerto del trio composto da Roberta Bacciolo, Silvano Borgatta e Gigi Venegoni. Cammineremo nuovamente per i luminosi paesaggi della Valle con le narrazioni e sonorizzazioni condotte dallo “scrittore degli alberi” Tiziano Fratus in compagnia del Duo Bottasso (organetto e violino) a La Magdeleine lungo il sentiero che porta a Chamois. E poi con Riccardo Tesi e Gian Luigi Carlone: il primo è uno tra i suonatori italiani di organetto più conosciuti nel mondo, il secondo è musicista eclettico e narratore, il tutto per le vie del borgo medievale di Etroubles. Tra le anteprime anche l’esibizione dell’installazione sonora “La Forza dell’Acqua” curata da CHAMOISic con il collettivo Audio HackLab e realizzata grazie a CVA Trading presso gli spazi espositivi della Centrale idroelettrica di Maën a Valtournenche. L’installazione è un racconto interattivo sull’acqua che diventa energia sonora e sarà in mostra fino al 2 settembre. A metà strada incontreremo con una masterclass esclusiva alla Cittadella dei Giovani di Aosta le peculiarità del percussionista indiano Trilok Gurtu. (Per partecipare occorre inviare una mail a info@cittadelladeigiovani.it o telefonare al numero +39 0165 35971). Dal 3 agosto si sale a Chamois per il concerto esclusivo di Trilok Gurtu, seguito dagli Eazycon, tra wave, progressive e free jazz, all’insegna dell’improvvisazione e dell’imprevedibilità. Nelle locande di Chamois Il jazz vedrà alternarsi Alkaline Jazz Trio, Hard Bop Reunion e crossover con il linguaggio contaminato del rap di Frankie hi-nrg mc affiancato agli strumenti del jazz-rock dei torinesi Aljazzeera, un progetto appena prodotto per Torino Jazz Festival. E poi ancora jazz-rock e blues in giro per Chamois con l’energia dei Tommaso Gemini. Uno dei linguaggi che il pubblico del festival apprezza sempre più è la musica elettronica d’avanguardia: assisteremo quindi al concerto del fuoriclasse berlinese della glitch music Frank Bretschneider e, come contrappunto, nella stessa giornata si esibirà uno dei gruppi italiani più interessanti nel campo dell’interpretazione della musica antica, l’insieme vocale Vox Libera diretto dal suo fondatore Dario Tabbia. A chiudere il cerchio sarà la tradizione della pizzica con una delle band più importanti del Salento, il Canzoniere Grecanico Salentino.